Cerca nel sito

Tavola-disegno-6@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-8@8x-100-scaled
Tavola disegno 5 copia 9@8x
Tavola-disegno-2@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia@8x-100-scaled
Tavola-disegno-3@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-3@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-6@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-5@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-7@8x-100-scaled
Tavola-disegno-5-copia-7@8x-100-scaled
previous arrow
next arrow

Latest Releases

Autore

Giovanna Ferrante

SPLENDENTE CAPOLAVORO GALLERIA VITTORIO EMANUELE II

Sottotitolo: 

Milano ha tanti volti. Ma la Galleria Vittorio Emanuele II, grandiosa via coperta ideata e costruita dall’architetto Giuseppe Mengoni, è un emblema, simbolo e cuore della città. Da subito diventa un monumento che identifica il profilo architettonico di Milano. Appartiene a ogni milanese, è l’elegante spazio prescelto per il passeggio, le conversazioni, la condivisione delle notizie, è luogo d’incontro fra i protagonisti della vita intellettuale, è meta imprescindibile per i turisti, passaggio obbligato per andare da piazza Duomo in piazza della Scala e da lì raggiungere altre mete cittadine. Dall’inaugurazione del 15 settembre 1867 sino al definitivo completamento alla fine di dicembre 1877 con la realizzazione dell’Arco verso Piazza Duomo, innumerevoli sono i personaggi e tantissime sono le vicende legate alla storia della Galleria, in primis quella del suo creatore Giuseppe Mengoni che, a un giorno dall’inaugurazione definitiva, affronterà la sua sera maledetta. Cosa succede il 30 dicembre 1877? Sarà il racconto di Giovanna Ferrante a guidarci dentro la storia del “Salotto” del capoluogo lombardo

Autore

Federica Bosco

ESMERALDA SOSPESA TRA DUE MAMME

Sottotitolo: Un filo d’amore spezzato

“Esmeralda contesa tra due mamme” è una storia vera che tocca le corde del cuore. Fin dalle prime pagine si percepisce una sete d’affetto della piccola che nel corso della vita sprigiona incredibile coraggio e determinazione. Impossibile non venire catturati da questa bambina, segnata dalla separazione dalla madre naturale a soli dieci anni. Uno strappo che non riesce ad accettare e che la vedrà combattere tra il mito di una madre biologica lontana e la presenza costante di una donna che colma il suo vuoto d’affetto, ma che Esmeralda fa fatica ad accettare fino in fondo. Un conflitto interiore che la accompagnerà in tutta la sua adolescenza e che si risolverà solo dopo molti anni. Tra le pieghe di questa storia di adozione internazionale, vengono trattati molti temi: il razzismo, la pedofilia, l’abbandono, la mancanza di radici e l’amore materno. Tante sfaccettature che emergono nella psicologia dei personaggi e che esprimono i sentimenti più intimi di coloro che compongono il puzzle della vita di Esmeralda e che rendono questa storia vera e appassionante.

Autore

Federica Bosco

RACCONTAMI

Sottotitolo: Viaggio nella Milano dei quartieri e del non profit tra miti e realtà

RaccontaMI è la memoria, la voce narrante di “Obiettivo Milano”, un progetto di “give-back” della Consulta dei Presidenti delle Professioni ordinistiche milanesi che si prefigge lo scopo di riconnettere la società civile della metropoli, attraverso l’esperienza e l’ascolto di ogni forma di aggregazione sociale presente sul territorio. “Parlare è un bisogno, ascoltare un’arte”, diceva Goethe e forti di questo pensiero, due anni fa siamo partiti con Obiettivo Milano per mettere a fuoco, attraverso la voce dei suoi protagonisti, tutte le anime della città. Non è stato facile perché chi fa domande risulta sempre scomodo, ed allora per superare la diffidenza dei nostri interlocutori abbiamo lasciato che ciascuno di loro raccontasse la propria storia e noi in silenzio siamo stati ad ascoltare. Così siamo arrivati al cuore delle persone, ed è il primo grande traguardo che abbiamo raggiunto. Ma non l’unico. Non ci siamo fermati davanti alla pandemia ed anche questo è stato un altro importante tassello nel grande puzzle di Obiettivo Milano. Abbiamo attraversato la città nei due anni più difficili raccogliendo la paura e la rabbia di quanti hanno visto crollare il loro mondo, chi per colpa del virus, chi della crisi economica. Ora è tempo di ripensare e ricostruire la città senza lasciare indietro nessuno. E noi ci siamo.

Autore

Giovanna Ferrante

CARLO PORTA E IL SUO DESTINO

Sottotitolo: Abbiate la pazienza di ascoltarmi

Il luogo è Milano, solo con qualche pennellata veneziana. La voce principale è quella del protagonista, che condivide con i lettori le conversazioni con la moglie, i colloqui con gli amici, e i suoi segreti monologhi interiori di quel suo spirito chiuso nel pudore. A coloro che vorranno scoprire la poetica di Carlo Porta, el scior Carlin offre parole che diventano immagini scandite dalla nobilitata lengua milanesa: i personaggi amati, per contro l’antipatia nei confronti di un certo tipo di blasonati e di alcuni rappresentanti del clero, e ancora le sue visioni. Accanto al poeta, l’uomo. Che si vede costretto ad abbandonare le sue carte e le sue rime per andare al lavoro, faccenda sgradevole ma alla quale provvede con la volontà sostenuta dal senso del dovere. Che si dedica con affetto e tenerezza alla famiglia, la moglie e i figli; che sa essere piacevole amico che offre cordiale ospitalità nella “Cameretta”, una stanza della sua abitazione che diventerà luogo perfetto per discorrere di poesia e confrontarsi con intellettuali dallo spirito affine. Senza dimenticare di essere un’ottima forchetta, sempre che le pietanze siano – s’intende – meneghine. Carlo Porta, le vicende della sua vita, gli incontri, l’amore, le malinconie, gli entusiasmi; e quel suo sguardo, che lo rende attento testimone della società del suo tempo. La sua poesia, espressione della cultura e dell’identità ambrosiana che il suo genio restituisce ad alta voce.

Prossime Uscite

LE IMMAGINI DEI PRODOTTI SONO PURAMENTE ESEMPLIFICATIVE E NON REALI

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER













    *Tutti i campi sono obbligatori



    CHIUDI
    CHIUDI